Home » TUMORE DELLA PROSTATA » BIOPSIA PROSTATICA

BIOPSIA PROSTATICA

BIOPSIA PROSTATICA

   Biopsia della prostata

La necessità di una biopsia della prostata si basa sul livello sierico di PSA e/o su una DRE sospetta e/o sull’ ima- ging. Inoltre, età, potenziali comorbidità e le conseguenze terapeutiche dovrebbero essere considerate e discusse in anticipo . La stratificazione del rischio è uno strumento potenzialmente in grado di ridurre biopsie non necessarie .

L’ uso empirico di antibiotici in un paziente asintomatico per ridurre il PSA non dovrebbe essere perseguito . La biopsia prostatica eco-guidata è attualmente il gold standard e viene eseguita mediante approccio trans-rettale o trans-perineale. Le percentuali diagnostiche, in assenza di imaging preliminare con risonanza magnetica (MRI), sono comparabili tra i due approcci, tuttavia alcune evidenze suggeriscono un minor rischio di infezioni per l’ approccio trans-perineale. La disinfezione rettale con po- vidone-iodio può essere presa in considerazione .

 Ripetere la biopsia dopo biopsia precedentemente negativa

Le indicazioni per ripetere la biopsia sono:

  • rialzo del PSA e/o PSA persistentemente elevato
  • ER sospetta, rischio di cancro pari al 5-30%
  • atypical small acinar proliferation, ASAP, rischio 31-40%;
    • neoplasie intraepiteliali prostatiche di alto grado (HGPIN) in multiple biopsie (≥ 3), rischio ~ 30% ;
    • alcune ghiandole atipiche adiacenti a foci di neoplasia intraepiteliale prostatica di alto grado (PINATYP), ~ 50% di rischio ;
      • carcinoma intraduttale come riscontro solitario, associato a PCa ad altro grado con un rischio > 90% ;
      • risonanza magnetica multiparametrica (mpMRI) positiva.

 

 

 

Il ruolo di PHI, Progensa PCA3 e Select- MDX nel decidere se ripetere una biopsia in uomini con una precedente biopsia negativa è incerto e proba- bilmente non cost-effective

 Descrizione di ulteriori test sperimentali dopo una biopsia prostatica negativa*

 

Nome del test 

Substrato 

Molecola 

Approvato FDA 

Progensa

ER, urina

IncRNA PCA3

Si

SelectMDX

ER, urina

mRNA HOXC6, DLX1

No

PHI

Siero

PSA totale, libero e isoforma p2

Si

4K Score

Siero, plasma

PSA totale, libero, intatto, hK2

No

ConfirmMDX

Tessuto prostatico benigno

Methylated APC, RASSF1 e GSTP1

No

*La sola neoplasia intraepiteliale prostatica di alto grado (PIN) in uno o due cores bioptici non è più un’indica- zione per ripetere la biopsia [145]. 

 Biopsia di saturazione

L’incidenza di PCa rilevato mediante successiva biopsia di saturazione (> 20 core) è del 30-43% e dipende dal numero di prelievi durante le precedenti biopsie . La biopsia di saturazione può essere eseguita con la tecnica trans-perineale, che fornisce un incremento diagnostico del 38%. Il tasso di ritenzione urinaria (10%) è però un importante effetto collaterale .

 Localizzazione e numero di frustoli

Sono raccomandati almeno otto prelievi sistematici in prostate di circa 30 cc, da dieci a dodici prelievi nelle prostate più grandi. Più di dodici prelievi non hanno dimostrato una maggiore efficacia .

 Biopsia della zona di transizione

Il campionamento della zona di transizione durante le biopsie basali ha una capacità diagnostica ridotta e dovrebbe essere limitato in caso di biopsie ripetute

 Antibiotici prima della biopsia

Si raccomandano antibiotici per via orale o endovenosa. 

 Anestesia locale prima della biopsia

Si raccomanda il blocco periprostatico eco-guidato . Non è importante se il deposito è apicale o basale. L’ anestesia locale intra-rettale si è dimostrata inferiore rispetto all’ infiltrazione periprostatica .

 

  Complicanze

Le complicanze della biopsia prostatica sono elencate nella Tabella 5.2.3

 Tabella 5.2.3: percentuale di complicanze per sessione di biopsia, indipendentemente dal numero di prelievi

 

Complicanze 

% di pazienti 

Ematospermia

37.4

Ematuria (>1 giorno)

14.5

Sanguinamento rettale (<2 giorni)

2.2

Prostatite

1.0

Febbre (> 38.5ºC)

0.8

Epididimite

0.7

Sanguinamento rettale +/- intervento chirurgico

0.7

Ritenzione urinaria

0.2

Altre complicanze (che richiedano ospedalizzazione)

0.3